La storia

Cronologia
Cronologia
1960: nasce la PIBERPLAST a Pontecurone (AL). Principale attività è lo stampaggio ad iniezione di contenitori in materia plastica per il confezionamento di prodotti farmaceutici ed alimentari.

L'era della plastica è agli esordi, la PIBERPLAST realizza una serie di innovazioni tecnologiche sul processo di stampaggio e della decorazione dei prodotti finiti che le fanno conquistare a pieno titolo la leadership nazionale nel settore, posizione saldamente mantenuta sino ad oggi.

1969: la PIBERPLAST si trasferisce a Voghera nell’attuale area industriale di 110.000 mq.

1976: viene resa indipendente la sezione progettazione e costruzione stampi, affidata alla neonata H.M.S. (HOT MOULD SYSTEM), cuore tecnologico del gruppo che inizia anche la costruzione di macchine per la termosaldatura degli imballaggi in materia plastica.

1982: entra nel gruppo la ESBE ITALIANA di Rapallo (GE), poi trasferita a Rivanazzano (PV), leader nella termoformatura di contenitori prestampati in rotocalco.

Questa acquisizione completa il know-how tecnologico del gruppo nel settore delle materie plastiche.

1983: inizia ad operare la PIBER GROUP a Voghera (PV). La società svolge servizi di vendita, marketing, amministrazione, finanza, elaborazione dati e paghe per tutte le società del gruppo.
Entra nel gruppo la STAMPLAST di Savignone (GE), anch'essa specializzata nello stampaggio ad iniezione.

1990: nasce la ALIPACK di Pontecurone (AL), che rileva la costruzione di macchine termosaldatrici H.M.S.
La STAMPLAST si trasferisce a Pontecurone nella struttura completamente rinnovata di una vecchia fornace, l’area industriale a disposizione è di 76.000 mq.

1996: ESBE ottiene la UNI EN ISO 9001, riferimento riconosciuto a livello mondiale per la certificazione del sistema di gestione per la qualità di tutti i settori produttivi.

1999: STAMPLAST e PIBERPLAST si allineano all’assunzione già acquisita da Esbe nel 1996 della certificazione UNI EN ISO 9001.

2001: vengono rilevate le attività della Lampografica di Settimo Milanese, attiva dal 1973 nella stampa offset di etichette e leader italiano nella stampa di etichette IML in plastica e carta. Nello stesso anno la ditta di stampa, che diventa PIBER GROUP Divisione LAMPOGRAFICA, ottiene la certificazione UNI EN ISO 9001:2000.

2003: entra in funzione presso lo stabilimento PIBERPLAST un reparto di produzione ad ambiente controllato (CLEAN ROOM).

2004: la PIBER GROUP divisione LAMPOGRAFICA si trasferisce a Pontecurone in un nuovo e più grande insediamento produttivo.
PIBERPLAST ottiene la certificazione BRC Packaging, lo standard che mira alla sicurezza igienico-sanitaria dei materiali da imballaggio alimentare.

2005: entra in funzione presso lo stabilimento ESBE ITALIANA un reparto di produzione ad ambiente controllato (CLEAN ROOM). L'Alipack viene assorbita e diventa divisione della H.M.S.

2006: a testimonianza di una sempre maggiore attenzione e consapevolezza delle aziende del Gruppo Piber nel perseguire una politica a favore dell’ambiente si colloca la certificazione del sistema di Gestione Ambientale UNI EN ISO 14001:2004 ottenuta da PIBER GROUP Divisione LAMPOGRAFICA.

2007: Lo Stabilimento Piberplast inizia ad utilizzare una rete ethernet a fibra ottica ridondata a 1 Gigabit

2008: la STAMPLAST ottiene la certificazione BRC Packaging.
La PIBER GROUP Divisione LAMPOGRAFICA implementa un sistema di gestione della sicurezza e salute dei lavoratori, certificandosi secondo la OHSAS18001:2007.
In Piberplast entra in funzione un impianto fotovoltaico da 567KWP.

2009: La Piberplast implementa un nuovo sistema informativo di Enterprise Resource Planning (ERP) che permette di integrare tutti i processi di business rilevanti per l'azienda.

2010: Sui tetti della Piber Group Divisione Lampografica iniziano i lavori per un nuovo impianto fotovoltaico.
La Piberplast apre il cantiere per un sistema che ridurrà ulteriormente l'approvvigionamento di energia elettrica dall'esterno con una conseguente diminuzione di CO2 immessa in ambiente.

2011: Nel mese di febbraio entra in funzione l'impianto fotovoltaico della Divisione Lampografica, la potenza di picco di 93.6 kW.
In Agosto, presso lo stabilimento Piberplast, viene attivato il nuovo impianto di trigenerazione, la potenza disponibile per energia elettrica di 2.100 kW. L'impianto inoltre in grado di fornire calore e freddo necessari per i processi produttivi dello stabilimento.

2013: La sede di Milano viene dotata di un collegamento a banda larga su rete ad anello in fibra ottica FTTH

2014: Piberplast supera a pieni voti l'audit SMETA (Sedex Members Ethical Trade Audit) secondo i requisiti SMETA 4 Pillars. Tale audit è sviluppata da SEDEX, l'organizzazione no profit per il miglioramento delle condizioni nella catena di fornitura ed è verificata da un ente terzo di certificazione; dimostra la conformità ai requisiti relativi la salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, il diritto al lavoro, il rispetto dell'ambiente e l'etica.

2015: Inizia una collaborazione commerciale con Tecnofoodpack

2016: Piberplast consegue la valutazione secondo la Piattaforma EcoVadis CSR - rating silver. Questa piattaforma fornisce una valutazione della sostenibilità dei Fornitori in quattro tematiche fondamentali quali ambiente, pratiche lavorative eque, pratiche commerciali etiche/eque e catena di approvvigionamento/logistiche ed è un punto di riferimento degli uffici acquisti di oltre 120 multinazionali di prestigio nel mondo, tra cui Nestlè.
La sede di Voghera della Piber Group ottiene un collegamento a banda larga a fibra ottica con tecnologia FTTH.

  Sede - Piber Group